lunedì 9 novembre 2015

Legalizzazione marijuana - No alla legalizzazione Sì alla permissione

No alla Legalizzazione Sì alla Permissione


La legalizzazione della marijuana è un argomento molto dibattuto, soprattutto ora che la proposta di legge di più di 200 parlamentari è stata accettata dalla Camera, ciò vuol dire che la questione è stata presa in considerazione e se ne parlerà. Entro Dicembre la proposta verrà discussa in parlamento. Si vocifera che la canapa sarà legale già dal primo Gennaio 2016, ma, anche se ciò si rivelasse corretto, ci vorrà molto tempo ancora per mettere in pratica la legge, chi ha a che fare con la burocrazia ogni giorno sa la situazione farraginosa in cui versa l'amministrazione statale.
Così stanno le cose sulla questione della legalizzazione, niente di certo ma sicuramente qualcosa di concreto.
Di seguito espongo la mia opinione personale riguardo al caso, ma prima vorrei mettere in evidenza l'intervista che l'onorevole Giuseppe Civati (Sul sito OpenParlamento potete trovare il suo "curriculum" politico http://parlamento17.openpolis.it/parlamentare/4537-civati/4537) facente parte del PD (ma con intenzione di fondare un partito tutto suo da quanto si può evincere da questo articolo risalente a Maggio 2015 http://www.huffingtonpost.it/2015/05/06/civati-pd-partito_n_7223378.html) ha rilasciato a Il Fatto Quotidiano, dove, alla domanda "Lei ha mai fumato le canne?" la risposta è stata “Le canne le ho fumate ma non mi fanno molto bene, ho un fisico che reagisce male."
[Qui in basso l'intervista direttamente dal canale Youtube de Il fatto Quotidiano]

La verità è che non solo l'onorevole Civati ha un fisico che reagisce male, ma anche Tutti noi. Tutti i fisici reagiscono male al fumo, qualsiasi tipo di fumo!! Perché è sempre una combustione e "L'inalazione del fumo provoca danni cancerogeni e un attacco da parte di altre sostanze nocive ai bronchi e ai polmoni. Il risultato più immediato è l'irritazione della trachea, ma una esposizione di lunga durata a questi fumi non è naturale e decisamente nociva per i polmoni."
Ora vi chiedo:
Ha senso che una persona incaricata del nostro benessere, del benessere del popolo, una delle tante incaricata a gestire la società, legalizzi una cosa che faccia male al fisico se fumata, che crei con un alta percentuale dipendenza psicologica se usata a lungo termine, che incentivi l'inattività? (la lista è molto più lunga)
Sempre nello stesso video, dopo l'intervista a Civati, sono illuminanti le parole di Benedetto della Vedova (appartenente ai Riformatori Liberali) al minuto 1:55 dove afferma, a ragione, che la cannabis "in un contesto legalizzato, sarà come l'alcohol" Illuminante anche la scritta su volantini e altri gadget presenti nel video: "L'erba voglio è giusto e conveniente"
C'è più chi ne abusa di chi lo usa!
Certo, ci sono persone che con le bevande alcoliche fanno da mangiare, altri si godono qualche bicchiere a cena o nelle feste, ma girando la medaglia ne vediamo l'altro lato, ovvero ragazzi morti di coma etilico, sia minorenni ma anche maggiorenni, persone ubriache al volante che investono pedoni, ubriachi molesti, persone che dell'acohol ne hanno fatto un bisogno primario. La storia è sempre la stessa, se non c'è equilibrio, tutto fa male, il cacao, ad esempio, in sé non fa male, quindi se ogni tanto mi concedo di mangiarne un pezzo non c'è niente di male, se invece mangio grandi quantità di cacao tutti i giorni, problemi fisici cominciano ad insorgere, questo perché, come già detto, il cacao in sé non fa male, è l'uso che ne verrà fatto a determinare la sua pericolosità.
Il punto è che, una volta legalizzata la marijuana, ci saranno persone che la useranno moderatamente, e persone che invece ne abuseranno. Lapalissiano.
Per non penalizzare le persone che usano la testa nell'usare le sostanze, bisognerebbe al massimo permettere a chi vuole fumare marijuana di coltivare le piante in casa, quindi di autoprodursi il prodotto e fumarlo, permettere quindi; ma sempre scoraggiarle. E' ora di aprire gli occhi riguardo alle droghe, è ora di dare ascolto alla scienza e non a chi le usa, è tempo di cominciare a dare peso e credito alla frase "le droghe fanno male", perché è sicuramente banale, ma non per niente, c'è un motivo se questa frase è così scontata e usata, ed è proprio per il fatto che sia corretta, che si riveli quasi sempre vera, che si usa spesso; si tende a dare per scontate le cose senza rivalutarle, e si perde di vista ciò che è veramente importante. Non c'è bisogno di legalizzarlo, diffonderlo, pubblicizzarlo, per ricavare soldi che noi cittadini dovremmo sapere in base all'esperienza di tutti i governi votati e succeduti, che quei soldi non ci garantiranno un futuro migliore.
Il problema è che molto spesso, essendo la marijuana una droga definita leggera, viene presa sotto gamba. Chi ha avuto esperienza di abuso con la sostanza in questione sa la Dipendenza Psicologica a cui si può andare incontro con questa droga, e se non credete che la Marijuana possa causare una tale dipendenza, vi basta informarvi su quanti gruppi di supporto sono nati e stanno nascendo negli Stati Uniti sulla scia degli alcoholisti anonimi ma dedicati a chi ha dipendenza psicologica da marijuana, battezzati fumatori anonimi, o, più semplicemente vi basta fare una ricerca su Google per vedere quante persone ne siano dipendenti, io stessa googolando "dipendente dalla marijuana" ho potuto trovare innumerevoli pagine, tra cui una in cui la notissima Lady Gaga ammette nel 2013 di aver abusato della sostanza diventandone dipendente [Fonte:http://www.panorama.it/societa/gossip/lady-gaga-ero-dipendente-dalla-marijuana/] e non è una testata qualsiasi a pubblicare l'intervista ma il quotidiano Panorama, oppure basta dare un occhio al numero di visite in fondo alla pagina di WikiHow "3 Modi per smettere di fumare marijuana" [Fonte: http://it.wikihow.com/Smettere-di-Fumare-Marijuana]

La marijuana sarà anche una droga leggera, ma è pur sempre una droga.
Causa dipendenza psicologica se abusata.
Fa male ai polmoni fumata esattamente come se fumate qualsiasi altra cosa.
Volete veramente che i vostri figli, al posto di fare sport salutari, di inseguire le loro passioni o di averne, si anestetizzino con la marijuana?
Volete veramente che la ricreazione dei vostri figli comprenda il fumo?

La legalizzazione diventerà il caso mediatico per eccellenza, ed è questo di cui avrà bisogno per vincere, l'appoggio della popolazione.
Non sono dell'idea che legalizzare la marijuana ad uso ricreativo sia una cosa positiva, molti la vedono sotto questa ottica, soprattutto i fumatori della suddetta sostanza, da cui non mi disconosco, non la produco e non la compro, però l'ho fumata. Sono stata dipendente e ne sono uscita.
Legalizzando la marijuana non solo la si rende accessibile a tutti, anche a chi non sarebbe mai riuscito ad arrivare in quel giro, perché non gli è mai stato proposto di provare o perchè semplicemente non ci aveva mai pensato, ed ora potrebbe ritrovarsi a dire Perché no?
Legalizzare è pubblicizzare, è diffondere.
Non penso che uno stato sano dovrebbe pubblicizzare e diffondere droga.
Non penso che uno stato che ha a cuore i cittadini dovrebbe permetterlo.
Non penso che i cittadini stessi dovrebbero permetterlo.


Penso che l'uso ricreativo non vada bene, essendo che, scientificamente provato, danneggia le strutture principali del cervello, ipotalamo e ippocampo, dalla prima assunzione
Penso che al massimo la marijuana dovrebbe essere provata per espandere la propria conoscenza di se e ciò che ci circonda, e provare vuole solo una volta.
Penso che la marijuana dovrebbe essere permessa ad uso medico se necessario.
Penso che la marijuana non sia essenziale per vivere.
Penso che lo stato non dovrebbe incentivare le droghe, (leggere o meno, non è l'aggettivo a essere importante) ma se mai scoraggiarle.
Penso anche che tutto possa diventare una droga, che tutto possa dare dipendenza, non per niente ci sono le dipendenze affettive, le dipendenze dal gioco, dipendenze psicologiche in generale, tutto dipende dalla persona, e alle persone non viene insegnato l'equilibrio, non viene insegnato l'uso, e cade spesso nell'abuso.

Sono dell'idea che la marijuana dovrebbe essere, al massimo, permessa e NON Legalizzata.
Illuminante anche la scritta su volantini e altri gadget presenti nel video: "L'erba voglio è giusto e conveniente"
C'è chi potrebbe controbattere che i soldi guadagnati dalla vendita di marijuana con monopolio di stato servono a beneficiare l'economia del paese, che ci aiuterà a sanare la crisi, che una parte dei soldi verrà destinata agli enti pubblici quali la sanità, la pubblica istruzione...ma se ci riflettete, se pensate a quante persone prima di loro hanno promesso le stesse, identiche cose, la probabilità che le promesse non vengano mantenute e che il tutto sia uno specchio per le allodole è alto. Stiamo parlando di probabilità, è matematica. Seconda cosa, ci sono almeno altre cinque soluzioni per risanare la crisi senza spacciare droga al popolo, perché è proprio questo che vogliono fare, spacciarvi droga, sedurvi, farvi dire "Perché no?", Critichiamo tanto le sigarette, l'alcohol, il gioco, anche mentre stiamo fumando, bevendo, giocando; io sono una fumatrice, spendo (fare calcolo), ne consapevole di quanti soldi stia buttando via per un vizio altamente deleterio, eppure sono ancora qui con la sigaretta in bocca.

Penso che per smettere ci sia bisogno di tanta volontà e pazienza, e di nient'altro. E' giusto cercare aiuto e farsi aiutare, ma da gruppi di sostegno che in cambio non chiedono niente se non la vostra presenza, a cui potervi confidare e non per farvi sottomettere o strumentalizzare.
Penso che, prendendo a prestito le parole di Orwell: "Cambiare un ortodossia con un altra non è necessariamente un progresso", se anche gli altri stati l'hanno legalizzata, non vuol dire che sia necessariamente giusto, non vuol dire che loro siano più avanti, più all'avanguardia.

Più si va avanti più mi accorgo che siamo entrati in 1984 di Orwell e che stiamo raggiungendo il Mondo Nuovo di Huxley

Fonti:
http://tv.ilfattoquotidiano.it/2015/04/21/cannabis-civati-a-convegno-antiproibizionista-canne-fumate-ma-non-ho-fisico/363341/

http://www.ilsecoloxix.it/p/italia/2015/10/01/ARO4os9F-marijuana_dicembre_proposta.shtml

http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/POLITICA/cannabis_proposta_legge_legalizzazione_camera/notizie/1598339.shtml

http://www.tempi.it/harvard-anche-luso-saltuario-di-cannabis-causa-gravi-danni-al-cervello#.Vnhv64-cFPY

Link Utili:
Per chi fosse marijuana dipendente e padroneggia bene l'inglese ecco un link di supporto (per chi non sa l'inglese può star certo che quando la marijuana sarà legalizzata verranno creati anche i gruppi di supporto a distanza di qualche anno, nell'attesa, potete rivolgervi al gruppo dei Narcotici Anonimi presente in ogni regione, che mette a disposizione gruppi di supporto anche per la dipendenza da marijuana, ultima alternativa, create voi gruppi di supporto sia online che fisici o muovetevi come meglio credete)
https://www.marijuana-anonymous.org/

Se non ritenete affidabile questo articolo di blog, che non è altro che un blog come un altro, se non ritenete affidabili le numerosi fonti citate, se non ritenete affidabile la mia esperienza, beh, allora vuol dire che a tutto questo ci arriverete con la vostra esperienza.

Per concludere l'argomento vorrei ricordare a tutti quelli che fumano marijuana o che la fumeranno, che se prendono la decisione di assumere questa sostanza è meglio che al posto di metterla in una cartina utilizzino un vaporizzatore, che, diciamolo, ha i suoi bei costi, ma almeno si risparmiano ulteriori danni ai polmoni visto che smog, polveri sottili e quant'altro ce li becchiamo comunque
http://www.royalqueenseeds.it/blog-perche-e-meglio-ed-e-piu-sano-usare-un-vaporizzatore-rispetto-a-fumare-cannabis-n32